cerca nel sito

Iscriviti alla Ns newsletter per rimanere sempre aggiornato

SOSTEGNO AL PROGETTO “LEGA IPPICA ITALIANA” Appunti e migliorie

Milano, 6 Maggio 2013:  Imprenditori Ippici Italiani, dopo aver promosso un convegno sul tema il giorno 4 marzo 2013, si sono nuovamente riuniti con lo scopo di definire il proprio sostegno ad una riforma che possa consentire al comparto ippico di superare questo momento tremendo e ritornare ai fasti dei tempi passati.

Inutile rimarcare che il sistema attuale, completamente gestito dai Ministeri e dai burocrati, ha dimostrato tutta la sua inadeguatezza, e quindi siamo favorevoli ad una riforma che preveda una gestione diretta del settore da parte degli operatori, sia per la parte strategica che per quella programmatica, tecnica e di sviluppo economico, lasciando ai Ministeri competenti solo le funzioni di controllo.
In questo senso riteniamo che il progetto Lega Ippica Italiana risponda al requisito fondamentale che dovrà avere la riforma, e dobbiamo constatare che ancora oggi è l'unico progetto concreto esistente.
E' fuori dubbio che la realizzazione di qualsiasi riforma debba anche comprendere un rinnovamento totale della mentalità con cui questo settore intenda ripartire, e ci riferiamo sia alla necessità di sganciamento da qualsiasi forma di assistenzialismo, sia al tema etico.
Imprenditori Ippici Italiani dichiara così il proprio sostegno al Progetto di Lega Ippica Italiana ma intende porre alcuni appunti e suggerire delle migliorie:

Composizione del Consiglio Direttivo (Governance)

La proposta di legge prevede un Consiglio Direttivo composto da 9 elementi:
- il Presidente, eletto dall'assemblea dei Soci, super partes, tra persone di elevata esperienza manageriale e comprovata terzietà rispetto alle componenti del settore
- 4 membri designati dai Soci appartenenti alle categorie di allevatori/proprietari, 2 del trotto e 2 del galoppo.
- 4 membri designati dai Soci della categoria Società di gestione degli ippodromi.
Su questo argomento ha lavorato una nostra specifica Commissione in cui hanno partecipato anche un rappresentante di ANAC ed uno di SIRE. La relazione della suddetta Commissione presieduta dall'Avv. Tabone ritiene che la struttura giuridica garantisca che nessuna categoria possa prevalere sull'altra ma, la forte rappresentanza degli ippodromi potrebbe farsi sentire quando il Consiglio dovrà decidere l'entità delle risorse ad essi destinate ed i criteri di ripartizione fra i vari ippodromi. Occorre quindi, quanto meno, preoccuparsi che la struttura "tecnica" facente capo al Direttore Generale che si occuperà di contrattualizzare il rapporto con gli ippodromi, ne valuti obiettivamente i requisiti, la qualità di gestione e tutto quanto riguarda le risorse destinate al finanziamento di progetti strutturali, di adeguamento o di miglioramento che i singoli ippodromi dovranno presentare. In altre parole riteniamo che il rapporto economico tra Lega e Ippodromi debba essere vincolato da Piani industriali di sviluppo e legato ai risultati ottenuti, su base annuale, rispetto agli obiettivi. Non si potrà più basarsi sul concetto che gli Ippodromi debbano essere assistiti ma occorrerà impostare una collaborazione che si basi sullo stimolo, sul progetto e sul premio a risultato raggiunto.

Organismi Tecnici

La riforma prevede la ricostituzione di quelli che una volta si chiamavano Enti tecnici e che hanno garantito fino alla loro esistenza che le scelte tecniche fossero fatte con competenza e razionalità. Dopo la loro eliminazione si è persa gradualmente ogni visione tecnica, giungendo all'attuale caos.
Nel disegno di legge è quindi prevista la nascita di 2 commissioni, una del trotto ed una del galoppo, i cui membri saranno nominati dalle rispettive associazioni di categoria.
A nostro avviso questo è un organo per certi versi più importante del Consiglio.
E' infatti in questa sede che i rappresentanti delle Associazioni di allevatori, proprietari, allenatori, guidatori, fantini, gentlemen ecc... dovranno impegnare tutta la loro professionalità e competenza per
proporre o contribuire a rilasciare un proprio parere tecnico circa i criteri per la composizione dei calendari, dei programmi di corsa e dei Grandi Premi che favorisca la giusta crescita e valutazione del nostro patrimonio animale.
Quindi, a prescindere da chi li nominerà, i componenti dovranno essere figure di vertice delle rispettive categorie, unanimemente riconosciuti a livello nazionale ed internazionale.

Antidoping e Giustizia Sportiva

Fra le competenze della Lega Ippica è prevista l'esecuzione di ogni servizio amministrativo e tecnico funzionale allo svolgimento delle corse e alla raccolta delle scommesse, ad eccezione dei controlli antidoping. Di fatto nella proposta di legge si lasciano tutte le competenze circa l'esecuzione e la certificazione dei controlli antidoping in mano alla struttura attualmente esistente, Unire Lab.
Visto l'attuale pessimo funzionamento del sistema antidoping, peraltro a costi altissimi, che ha consentito di fatto che in Italia il doping non fosse punito in modo deciso e tempestivo, lasciando varie vie di fuga a chi ha utilizzato prodotti vietati, si ritiene assolutamente necessario che la Lega abbia il controllo totale di tutto il settore, a partire dalla stesura dei regolamenti fino all'esecuzione e la certificazione dei prelievi.
Le Associazioni nazionali di Veterinari e Produttori di farmaci hanno messo a disposizione la loro esperienza e le loro conoscenze per contribuire a stipulare i nuovi regolamenti, che dovranno prevedere anche la netta distinzione fra prodotti curativi e prodotti dopanti, necessaria per un più giusto intervento sanzionatorio nei confronti dei trasgressori.
Al momento, nella proposta di legge, fra le competenze di Lega Ippica, non è compresa l'istituzione e la disciplina dell'albo dei giudici di gara, la definizione dei criteri per la composizione delle giurie e la nomina delle medesime, che quindi rimangono di competenza del Mipaaf. Ci sembra che non ci sia nessun motivo logico su tale decisione, tutte le componenti che riguardano la giustizia sportiva dovrebbero essere "garantite" da Lega Ippica. Su questo tema intendiamo prendere visione del Regolamento approntato dalla Commissione Giustizia Sportiva del Comitato Pre-Lega in collaborazione con importanti esperti del Settore in materia.

Scommessa ippica

La proposta di legge prevede che Lega Ippica valuti trimestralmente l'andamento delle scommesse su base ippica e che possa formulare proposte al Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali e all'AAMS, ai fini di eventuali modifiche alle modalità e caratteristiche delle scommesse, sulle quali ha parere vincolante.
Tale proposta, pur essendo già migliorativa rispetto lo status attuale, non va ad incidere concretamente sul problema che ha decretato, insieme ad altri fattori, il crollo del gioco sulle scommesse ippiche, e cioè
l'immobilismo di Aams circa le riforme. E mentre gli altri giochi, dal bingo alle slot, dal Grattaevinci ai giochi on-line, sono continuamente rinnovati ed adeguati alle richieste del mercato, la scommessa ippica è stata messa in un angolo da condizioni svantaggiose sia di tipo fiscale che tecnico sulle quali Aams non è voluta intervenire nonostante le sollecitazioni del comparto ippico.
Proponiamo di prevedere all'interno di Lega Ippica Italiana la creazione di una struttura tecnica in grado di elaborare nuove scommesse o modifiche a quelle esistenti in modo da intercettare tempestivamente le necessità del mercato dei giochi, formulando proposte che Aams dovrà valutare, solo sotto l'aspetto legislativo, entro un tempo limite di 60 giorni.
In questo modo il comparto ippico potrebbe riacquisire il controllo del prodotto commerciale che dovrà determinare l'autosufficienza richiestaci dalle istituzioni e dalla politica.

La funzione degli ippodromi nell'ippica del futuro

Anche se in parte lo sono già attualmente (di fatto non hanno bisogno di nessuna nuova normativa) con la proposta di legge di Lega Ippica Italiana si inducono, per meri fini economici, gli ippodromi a diventare ancor più luoghi che offrono ogni tipologia di gioco, perdendo forse di vista quella che è la funzione principale per cui sono stati costruiti, cioè le Corse di Cavalli. Occorre comunque riflettere bene sul tipo di ippodromi che vogliamo avere per il futuro, perché se vogliamo valorizzare e rilanciare l'ippica anche come spettacolo, e non solo sportivo, occorre riqualificare gli ippodromi come centri di aggregazione che accolgano nel modo adeguato un pubblico composito, formato da scommettitori ed appassionati, rilanciando il ruolo fondamentale dei Proprietari, ma anche da famiglie e da cittadini che si vogliono godere la bellezza dei cavalli o più semplicemente di una bella giornata all'aria aperta.
In questa ottica sarebbe quindi più utile prevedere all'interno degli ippodromi attività collaterali dedite all'intrattenimento, quali ristoranti, bar, centri benessere, mercatini, negozi, attrattive per i ragazzi e per i bambini e non solo, piuttosto che concentrarvi ogni tipo di gioco o scommessa, portandosi dietro una platea diversa, che in teoria dovrebbe essere esclusivamente maggiorenne. Il rischio, tanto per rendere meglio l'idea, è di ottenere, all'interno della tribuna piena di slot-machines, una massa di giocatori talmente "catturati" dal gioco compulsivo che si disinteressano totalmente delle Corse dei Cavalli.
Potrebbe essere proponibile una soluzione intermedia, peraltro già esistente in alcune città, che prevede strutture all'interno dell'area dell'ippodromo dove concentrare l'effettuazione di tutti i tipi di giochi (bingo slot-machines e quant'altro) con il ritorno economico previsto dal testo di legge, e concentrare l'attività dell'ippodromo su eventi di intrattenimento e sull'effettuazione delle Corse dei Cavalli, con relativa raccolta delle scommesse e la presenza obbligatoria di una agenzia ippica all'interno che raccolga il gioco a livello nazionale.

Impegno per l'emersione del lavoro nero e fondo per la Cassa Previdenza

Vista l'importanza, a livello nazionale, del generare nuovi posti di lavoro, e per andare incontro alle problematiche di tipo sociale e previdenziale che riguardano la mancata erogazione della pensione di allenatori, guidatori e fantini, si propone l'accantonamento di un fondo economico specifico per i seguenti scopi:
- integrazione di risorse per la Cassa di previdenza dei professionisti, che però dovranno rivedere i meccanismi di contribuzione in modo tale che sia adeguatamente finanziata anche con i contributi che dovranno versare obbligatoriamente.
- potenziamento e istituzionalizzazione del Fondo Artieri
Per definire questo delicato tema si propone la formazione di un team di esperti che ponga, in tempi brevissimi, le basi tecniche su cui fondare questi due strumenti che, oltre a creare certezze per il futuro degli operatori, debbono generare un ciclo virtuoso che faccia emergere interamente il lavoro nero, piaga del nostro settore.
Il Ministero Economia e Finanze si è già dichiarato sensibile a questo argomento per cui si chiederà al Mef una sorta di defiscalizzazione che attenui l'impatto economico di tali iniziativa e non aggravi i costi delle Scuderie.

Cavalli a fine carriera

Vista la preoccupazione di molti proprietari su questo delicato tema, si propone la creazione di un fondo per il mantenimento, su terreni demaniali appropriati, messi a disposizione dallo Stato, dei cavalli giunti a fine carriera che non avranno garantita una sistemazione adeguata, con eventualmente un contributo una-tantum da parte di coloro che si vorranno avvalere della suddetta opportunità.

Salute del Cavallo

Si propone la costituzione di una Commissione specifica che affronti la tematica del benessere e della salute del Cavallo

Utilizzo Immagini

Si auspica che, con l'avvento di Lega Ippica Italiana, si possa riuscire ad invertire il trend attuale e a valorizzare il prodotto Corse dei Cavalli a tal punto da riuscire a vendere le immagini dello spettacolo sportivo e di tutto il bellissimo mondo che gli gira intorno.
Raggiunto questo obiettivo riteniamo si possa generare un monte di risorse che andranno distribuite agli attori dello spettacolo ippico ed a rafforzare ulteriormente l'integrità e la disponibilità di queste componenti nei confronti del pubblico.

Contributi agli Ippodromi

Nella relazione tecnica che accompagna il progetto Lega Ippica si evidenziano due aspetti che nel testo del disegno di legge non sono affrontati. Il primo è la ripartizione fra montepremi e spettanze degli ippodromi, prevista nel piano economico con il rapporto di 60% a 40% .
Tale rapporto può essere giustificato per i primi 4 anni, nei quali una consistente somma andrà destinata a progetti di riqualificazione degli ippodromi oggi in condizioni pessime, mentre per gli anni successivi si ritiene di ritornare ad un più equo rapporto di 2 a 1. Ovvio che le somme stanziate per progetti che non verranno poi realizzati, non saranno erogate abbassando quindi lo stanziamento effettivo. Il secondo è lo stanziamento preventivato per i costi della televisione: quello previsto nel piano economico ci pare sovrastimato, in quanto si ritengono già eccessivi i 9 milioni previsti dall'ultimo bando predisposto da ASSI, sia tenendo conto che la quota per la produzione delle immagini, attualmente a carico degli ippodromi, è già compresa nelle competenze a loro spettanti, sia considerando una migliore gestione della televisione ippica, attualmente pessima, compresa la definitiva soluzione del problema dello sfruttamento dell'immagine dei protagonisti, cavalli, driver, fantini ecc... e rapportandosi agli altri sport.

Tutela dell'allevamento

Con la crisi economica del settore ippico, sommata a quella generale, è entrato in difficoltà il settore che è l'anima dell'ippica, la spina dorsale sulla quale si basa tutta la filiera: l'allevamento.
Basti pensare che per il solo trotto, da una produzione annua di oltre 5.000 puledri si è passati, nel 2012, a soli 2.600 puledri registrati, con funeste previsioni per il 2013 di 2.000 nati e per il 2014 intorno ai 1.500 nati.
Questa riduzione così drastica, oltre alla chiusura di molti allevamenti (anche storici ed importanti) potrebbe portare ad una mancanza di puledri per mantenere attivo il sistema ippico italiano, portandoci ad un progressivo quanto rapido "spegnimento" dell'intero comparto.
Come tutti ben sanno l'allevamento italiano, grazie agli investimenti fatti negli anni passati, é arrivato ad un livello qualitativo di valore mondiale. Purtroppo è ormai certo un suo arretramento nei prossimi anni, visto che gli allevatori, per contenere le perdite economiche, hanno ridotto non solo la produzione ma anche il budget previsto per le monte, considerata la speranza minima, se non nulla, di ricavare qualcosa dalla vendita dei puledri.
La riduzione del montepremi (di oltre il 50% negli ultimi 2 anni) sommata alla contestuale eliminazione delle provvidenze e alla follia dei pagamenti mai ricevuti, ha fatto si che tutte le aziende che si basano sull'allevamento, sia grandi che piccole, comprese quelle che hanno ottenuto buoni risultati in pista, negli ultimi anni hanno avuto bilanci nettamente in rosso senza nessuna possibilità di salvezza, e questa situazione ha fatto si che molti "mollassero".
Occorre quindi che la riforma preveda dei meccanismi certi di tutela dell'allevamento, come il ripristino delle provvidenze distribuite solo seguendo criteri meritocratici basati sulla qualità della produzione, con una adeguata destinazione di risorse economiche, presenti ma non sufficientemente determinate nella proposta di Lega Ippica Italiana.
Proponiamo quindi che, in collaborazione col Mipaaf, si attuino Piani di sviluppo e di investimento dedicati all'Allevamento, come viene fatto per tutte le altre attività agricole, destinati unicamente alle Aziende Agricole.

Rassegna Stalloni Italiani 2021 Axl Rose: una novità sulle orme di Love You Axl Rose si presenta come una interessantissima novità per gli allevatori italiani, uno Stallone Italiano estremamente qualitativo, il più importante della generazione assieme ad Alrajah One, che si appresta ad iniziare la sua prima stagione di monta.
Rassegna Stalloni Italiani 2021 Vivid Wise As: ancora una vittoria importante Fin dal suo esordio Vivid Wise As si impose come leader assoluto della sua generazione in Italia e la sua straordinaria carriera internazionale certamente non ha poi deluso le attese.
Rassegna Stalloni Italiani 2021 Tony Gio: potenza, carattere e precocità Col debutto in razza di Tony Gio gli allevatori italiani hanno a disposizione uno dei più validi figli di Varenne, sicuramente uno di quelli che ha dimostrato più coraggio e più potenza. Tony Gio offre un corredo genetico di primissimo livello, una genealogia regale anche in virtù della grande...
Rassegna Stalloni 2021 Adrian Chip: un americano per l’allevamento italiano L’americano Adrian Chip arriva in Europa dopo una carriera giovanile di altissimo livello negli States dove a 2 anni è secondo nella Matron Stakes Final e terzo nella Breeder’s Crown mentre a 3 anni è secondo nell’Hambletonian e nel World Trotting Derby e terzo nello Yonkers Trot. In Europa...
Rassegna Stalloni Italiani 2021 Nesta Effe, il Principe biondo     Nesta Effe si presenta alla sua sesta stagione di monta vantando tra i suoi prodotti un prima serie come Bubble Effe, 1.12.2 ed Euro 136.000, protagonista della stagione classica dei 3 anni e Bomber di No 1.12.9 ed Euro 39.000.   Il pedigree di Nesta Effe ci propone...
Rassegna Stalloni Italiani 2021 Rotary Ok, potenza e affidabilità di stampo americano, e che sangue!   Per gli allevatori in cerca di uno stallone affidabile certamente la linea maschile di Garland Lobell, attraverso i tre figli di Amour Angus (Andover Hall, Conway Hall e Angus Hall)  è quella che da sempre offre stalloni importanti che non deluderanno le aspettative.  
Rassegna Stalloni Italiani 2021 Vitruvio: la classe non è acqua Vitruvio offre agli allevatori italiani una delle migliori soluzioni di continuità della pregiata e solidissima linea del top Sire Andover Hall. Vitruvio infatti nasce dall’americano Adrian Chip il quale, dopo una brillante carriera giovanile negli States, dove è secondo nell’Hambletonian e nel World Trotting...
Rassegna Stalloni Italiani 2021 Victor Gio, un “italo-americano” figlio di Ready Cash La stagione di monta 2021 sembra essere quella decisiva per questo Stallone italiano che si presenta alla sua quarta annata molto “chiacchierato” soprattutto per come si sono presentati, nei primi mesi di doma e di attacchi, i 42 figli della sua prima produzione quella della lettera “D” Niente di sorprendente, Victor Gio nasce talmente alla...
Rassegna Stalloni Italiani 2021 Remo Gas, perché i figli di Varenne sono grandi stalloni! Anche per il 2021 sono aperte le selezioni per l’assegnazione delle monte gratuite destinate a 50 fattrici di ottima genealogia di questo bellissimo erede di Varenne. Remo Gas è stato uno dei più importanti figli del Sire italiano, uno di quelli che ha lasciato veramente il segno dimostrando di essere un Trottatore precoce, consistente e...
Rassegna Stalloni Italiani 2021 Nad al Sheba: ancora una volta stallone leader Nad al Sheba è ormai da considerarsi una eccellenza, oltretutto disponibile in Italia, che un allevatore non può non prendere in seria considerazione. Nad al Sheba, leader in Italia per risultati in pista, si è ormai affermato come uno degli Stalloni Italiani più interessanti per il rapporto qualità/prezzo e per un progetto allevatoriale che...
Rassegna Stalloni Italiani 2021 Varenne: una garanzia per un prodotto di altissimo livello Gli allevatori italiani hanno il privilegio di avere a disposizione uno stallone estremamente qualitativo, e ormai affermatissimo, che si appresta ad iniziare la sua 18° stagione di monta. Analizzando le performance dei 1455 figli di Varenne nati dal 2004 al 2016 troviamo ben 9 Campioni con record inferiore a 1.10:
Lettera al Ministro Bellanova - L’IPPICA SOTTO IL CONI significa un altro passo verso la morte L’IPPICA SOTTO IL CONI significa un altro passo verso la morte: richiesta di incontro urgente Restiamo allibiti nell’apprendere che il Mipaaf ha richiesto e sostenuto il trasferimento delle proprie funzioni di gestione del settore ippico al CONI. Ribadiamo che si tratta di un errore grossolano che, oltre a dividere in due il comparto, lo...
Imprenditori Ippici Italiani esprime forte preoccupazione per il proseguimento delle attività del settore Le Aziende appartenenti a questa associazione sentono la impellente necessità di segnalare 3 gravi disfunzioni che mettono a serio rischio la prosecuzione dell’attività ippica:1 - esattamente come per gli anni trascorsi, gli ippodromi si vedono costretti a non accettare i partenti a causa della mancanza di regolari contratti relativi al 2020. Il...
Rassegna PULEDRI Scuderia Gardesana www.gardesana.it Scuderia Gardesana è un allevamento storico, da decenni alla ribalta nella scena internazionale i cui puledri negli ultimi anni si stanno affermando in maniera straordinaria in coerenza con la tradizione che lo vede da sempre vincente.La produzione del 2019, lettera D, propone un livello qualitativo molto alto e linee interessanti che strizzano...
Rassegna Stalloni Italiani 2020 Scegliamo Stalloni Italiani, abbiamo a portata di mano la solidità di Ghiaccio del Nord Ghiaccio del Nord si sta affermando come uno dei più solidi Stalloni Italiani. Non poteva essere altrimenti se si considera che si tratta di un cavallo vincitore di 18 Gran Premi e piazzato in altrettanti. Ghiaccio del Nord, per 5 anni consecutivi, si è cimentato a livello internazionale dimostrandosi sempre altamente competitivo, concreto e...
Rassegna Stalloni Italiani 2021 Victor Gio, un “italo-americano” figlio di Ready Cash La stagione di monta 2021 sembra essere quella decisiva per questo Stallone italiano che si presenta alla sua quarta annata molto “chiacchierato” soprattutto per come si sono presentati, nei primi mesi di doma e di attacchi, i 42 figli della sua prima produzione quella della lettera “D” Niente di sorprendente, Victor Gio nasce talmente alla...
La lettera inviata al Presidente del Consiglio richiedendo un urgentissimo intervento di Riforma del settore Gestione del Mipaaf del settore ippico italiano Illustre Presidente del Consiglio, Pregiatissimi Ministri, Sottosegretari e Presidenti delle Commissioni Parlamentari, il comparto ippico italiano movimenta circa mezzo miliardo di Euro nell'ambito della filiera agricola e altrettanti in quella della raccolta di gioco. Le 1.000 Aziende che...
Rassegna Stalloni Italiani 2019 Oasis Bi – La novità E’ appena arrivato presso Allevamenti Toniatti lo Stallone Italiano Oasis Bi, un Campione che ha vinto la bellezza di 1,75 milioni di Euro, correndo in tutta Europa dai 2 ai 10 anni dimostrando sempre grande classe e estrema affidabilità. Rammentiamo che Oasis Bi risulta piazzato in 31 prove di Gran Premio! In particolare Vi consiglio di...
Stalloni Italiani Trotto - Ringostarr Treb E' al debutto in razza questo giovane figlio di Classic Photo e Farsalo Egral, figlia di Supergill con record di 1.12.6 fatto vincendo a Milano. Ringostarr Treb si caratterizza per parziali violenti, uno scatto bruciante ed un cambio di velocità repentino. Vanta 4 vittorie classiche e 14 piazzamenti ottenuti in giro per l'Europa...
Varie su passaggi amministrativi Fatture elettroniche Sono pronti i fac-simile dei mesi di Aprile e di Maggio, richiedeteli. Per chi non avesse ancora trovato la soluzione per emettere le fatture elettroniche consigliamo tre strade: -rivolgersi alle Associazioni sindacali in ambito agricolo-aderire a siti come www.infocert.it-rivolgersi a professionisti che già si sono...
La questione del Lunedì Non sono mancate le discussioni e gli approfondimenti sulla questione del Lunedì di riposo e così, dopo 5 Lunedì senza corse italiane, abbiamo potuto vedere su Gaet quanto, dal punto di vista economico, questa scelta sia purtroppo tremendamente negativa.I dati di questa mattina sono agghiaccianti, perdiamo ancora consistenti quote di mercato e...
Corse delle Stelle? Quali stelle? Forse qualcuno confonde l'autocelebrazione con la promozione del settore. Saremmo i primi a concedere cavalli e visibilità a qualcuno che, immediatamente sceso dal sulky, intervenisse su un canale televisivo nazionale, o in qualche intervista su quotidiani di grande tiratura, per esprimere l'emozione che si prova a guidare un cavallo da corsa,...
Trotto: Piano Valorizzazione Puledri & Proprietari Ridare valore al mercato del cavallo da corsa è uno dei nostri obiettivi principali.In particolare riteniamo che per dare un impulso positivo all'allevamento ed al mercato sia necessario gratificare il Proprietario ed indurlo ad investire nell'acquisto e nella preparazione dello yearling. Per cui, allo scopo di valorizzare la produzione e la...
Montepremi Trotto 2013: accontentatevi di 51 Milioni! Vogliamo provare a fare i conti della serva, semplici semplici, per capire meglio come vanno le cose?Bene, a fine Novembre sono stati assegnati poco meno di 45 Milioni.Nel mese di Dicembre avremo al palo oltre 4 Milioni per le Corse ordinarie e ben 2 Milioni per i Gran Premi.Ne deriva che il Montepremi 2013 effettivo sarà di circa Euro 51...
Ma serviva tutto questo allarmismo? In queste ore riceviamo decine di telefonate di operatori terrorizzati per un eventuale stop alle corse dal primo novembre, stop che, lo sanno tutti, non ci sarà e non avrebbe alcun senso o giustificazione.Non ci sarà perché l'Agenzia delle Entrate ha già assegnato formalmente al settore quei famosi 17 milioni di rimborso Iva che consentiranno...
Aggiornamento sui Pagamenti dei Premi Come è noto i pagamenti sono fermi in attesa del completamento dell'iter per rinnovare la delega al Dirigente.Sembra che nei primi giorni della settimana prossima dovrebbe sbloccarsi la situazione e riprendere il normale flusso dei pagamenti.Si tratta di una delega con scadenza 30 Giugno che dovrà consentire il pagamento di tutti i premi del...
Fondi europei per l'allevamento All’indomani della positiva risposta data dalla Commissione Ue all’interrogazione presentata dall’On.le Angelilli, che ha previsto fra le attività finanziabili con fondi europei dal nuovo Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2014-2020 anche l’allevamento di cavalli da corsa, Imprenditori Ippici Italiani si è subito attivata invitando i propri...
Aggiornamento Pagamenti e Montepremi 2015 A seguito della riunione svoltasi mercoledì 18 Marzo al Mipaaf tra le Società di Corse, i Sindacati e lo staff del sottosegretario On. Castiglione, si è appreso che nelle prossime settimane verranno finalmente pagati i Premi di Ottobre 2012.Le restanti mensilità di Novembre e Dicembre 2012, poche settimane fa annunciate per pagabili entro Giugno...
Linee guida recupero crediti Mpaaf A seguito dell'incontro con la gentilissima Dott.ssa Stefania Mastromarino, dirigente dell'ufficio premi presso il Mpaaf, siamo a comunicare le linee guida imprescindibili per poter ricevere liquidazione delle somme riferite ai premi di gennaio, febbraio, marzo 2013. Per coloro che, non in possesso di partita iva, non avessero ancora ricevuto i...
Moralizzazione ed Etica applicata al settore Ippico Spesso, nel nostro settore, assistiamo a comportamenti deprecabili che ormai a molti potranno erroneamente sembrare normali ma che ciascuno di noi, nell'ambito della propria coscienza, capisce chiaramente quanto sono deleteri e quanto danneggino gravemente il settore stesso.Uno dei pilastri della riforma ippica, già Legge dello Stato, è...
Rassegna Stalloni Italiani 2019 Twister Bi – La novità col fascino dell’incrocio Varenne/Lemon Dra E’ disponibile, commercializzato da Allevamenti Toniatti, il seme di uno Stallone Italiano che il mondo ci invidia, un Cavallo che da anziano ha avuto la forza di andare negli States a stravincere l’International Trot, un Campione che ha vinto la bellezza di 930.000 Euro stabilendo il record di 1.08.4 nella mitica corsa in cui tre cavalli:...
Come recuperare le Iscrizioni ai Gran Premi pagate nel 2013 Si tratta dell'ennesima beffa a danno dei Proprietari.Provate ad immaginare quanti soldi sono stati pagati dalle Scuderie italiane (e non solo) per iscrivere i propri cavalli ai Gran Premi del 2013.I soldi delle iscrizioni dovrebbero essere, ovviamente, re-distribuiti subito ai cavalli arrivati a premio ma questo spesso non è...
Finanziamenti europei al Settore Ippico e alle Aziende che allevano cavalli da corsa Imprenditori Ippici Italiani ed il Comitato Ippico Toscano, in stretta collaborazione con l'On. Angelilli (Vice Presidente del Parlamento Europeo), con l'On. Monica Faenzi e con il Dott. Roberto Benedetti (Vice Presidente del Consiglio Regionale Toscano) stanno lavorando per inserire il Settore Ippico e le Aziende dell'allevamento nel quadro dei...
Indignati & Fiduciosi In un Paese che sta morendo, vittima di una classe politica impotente ed incapace, schiavi di una burocrazia prepotente che oltre a succhiarci il sangue ci impedisce ogni iniziativa, la piccola comunità ippica, che pochi anni fa viveva alla grande, adesso è allo stremo, fortemente indebitata e sta perdendo i pezzi per strada.La Riforma arriverà,...
Proroga pagamento rinnovi colori Trotto e Galoppo Rinnovi colori Trotto e Galoppo rimangono invariati al 31 dicembre con proroga del pagamento. Il consiglio del Mipaaf è di pagare entro il 28 febbraio!   Ieri è stato finalmente pubblicato il Decreto che conferma il rinnovo dei colori e delle patenti/licenze per il 2017. Il rischio di un anticipo al 30 novembre è stato superato grazie...
Lo Stato irresponsabile e debitore che uccide le eccellenze italiane Dopo avere ripetutamente sollecitato l'intervento del Ministro De Girolamo affinchè risolvesse i problemi burocratici e tecnici che il Ministero di cui è a capo sta riscontrando nell'espletare il processo di pagamento dei debiti di Stato verso il comparto ippico, siamo a constatare una semplice quanto avvilente e tragica realtà: lo Stato non è...
Emilia Romagna – Corso di formazione professionale per tecnici addestratori di Cavalli Inizierà il prossimo 20 Marzo a Bologna un Corso professionale per formare Personale specializzato nella gestione del Cavallo.In particolare è prevista la figura di “Tecnico addestratore” che deve essere in grado di svolgere l’attività di assistenza quotidiana dei cavalli accompagnandoli nel loro sviluppo psicofisico e garantendone la cura dei...
Intervento di Enrico Tuci, presidente di Imprenditori Ippici Italiani, alla Commissione Agricoltura presso il Senato Mercoledì 17 Luglio 2013 Pubblichiamo il testo dell'intervento di Enrico Tuci, presidente di Imprenditori Ippici Italiani, durante i lavori della Commissione Agricoltura, presieduta da Roberto Formigoni, presso il Senato della Repubblica Mercoledì 17 Luglio 2013. Onorevole Presidente, il settore ippico sta morendo in mano ad un Ministero incapace di svolgere in...
Strettamente legati a quel Decreto Giochi che il Governo deve assolutamente far passare Il Governo, domani, ha una grande responsabilità, il destino dell'ippica italiana, un settore economico e sportivo di grande cultura e tradizione, è appeso alle decisioni del Consiglio dei Ministri. La Riforma del settore ippico è stata inserita nel Decreto Giochi e, secondo i tecnici di Palazzo Chigi, non può essere licenziata senza...