cerca nel sito

Iscriviti alla Ns newsletter per rimanere sempre aggiornato

Comunicato 17 novembre 2015 - L'importanza di essere uniti

Con il Comunicato di oggi intendiamo sottolineare l'importanza di quanto è avvenuto in questi giorni:
Tutte le componenti del settore ippico italiano, indignate per il comportamento del Governo, preoccupate per l'ennesimo taglio delle risorse, per l'inaccettabile gestione del Mipaaf e per il destino delle proprie famiglie, delle proprie aziende e dei propri cavalli, hanno unitariamente firmato un documento di denuncia e richiedono un immediato intervento per salvare decine di migliaia di posti di lavoro e migliaia di cavalli.
Il documento è stato inviato alle massime cariche dello Stato ed ai componenti delle Commissioni Bilancio e Agricoltura di Camera e Senato e denuncia il deplorevole operato delle massime cariche politiche del Mipaaf.

Questa è solo la partenza di un percorso che ci vede protagonisti assieme a tutte le componenti ancora vive del settore ed a tutti coloro che ancora credono nella possibilità di rilanciarlo.

Si tratta di una esortazione all'unità consapevoli che in questo momento non possiamo permetterci alcuna divisione interna.

Enrico Tuci
martedì, 17 novembre 2015

Il Comunicato:

Questo è il momento di essere uniti, per la prima volta un documento unitario è stato presentato al Governo: partiamo da questo e andiamo avanti!

Tutte le componenti del settore ippico italiano, indignate per il comportamento del Governo, preoccupate per l'ennesimo taglio delle risorse, per l'inaccettabile gestione del Mipaaf e per il destino delle proprie famiglie, delle proprie aziende e dei propri cavalli, hanno unitariamente firmato un documento di denuncia e richiesto un immediato intervento per salvare decine di migliaia di posti di lavoro e migliaia di cavalli.

Il documento, avente come Oggetto: Legge di Stabilità 2016 - Risorse per l'ippica - "Default" di un settore economico/produttivo, è stato inviato, nei giorni scorsi, alle massime cariche del Governo ed ai componenti delle Commissioni Bilancio e Agricoltura di Camera e Senato.

E' stato firmato e condiviso da tutte le categorie del galoppo e del trotto e da tutte le Società di Corse. Tutti hanno ritenuto importante denunciare duramente il comportamento deplorevole delle massime autorità politiche del Mipaaf.

Partiamo da questa significativa presa di posizione, adesso finalmente tutti sanno bene da chi dobbiamo guardarci le spalle, non commettiamo nuovamente l'errore di perdersi nella speranza di inutile promesse.

E' invece il momento di alzare la voce e per farlo dobbiamo essere uniti, uniti e impeccabili nel modo di comunicare le istanze del settore di fronte alla politica, quella che conta veramente.

In questi giorni ognuno di noi sta attivando tutti i rapporti con i rappresentanti del mondo politico che l'esperienza di questi anni ci ha consentito di realizzare. Non perdiamoci, adesso, in inutili battaglie tra le varie parti del settore, se la torta sarà più piccola lo sarà per tutti ed ha veramente poca importanza se poi qualcuno riesce a raccogliere una briciola in più dell'altro.

Adesso dobbiamo essere una forza unica e ottenere il rispetto che un settore come il nostro merita. Dobbiamo ottenere risorse per sopravvivere ed una Riforma per rilanciarsi. Dobbiamo ottenere una autonomia gestionale che ci consenta di cambiare e di intraprendere tutte le strade che potranno portare a reperire risorse economiche, una autonomia dove sarà anche importante chiarire molte situazioni e trovare nuovi equilibri ma adesso non possiamo permetterci di pensare a questo, adesso è il momento di combattere insieme, uno accanto all'altro.

Noi questa battaglia la conduciamo da tempo, noi ci siamo ed invitiamo tutti quelli che hanno ancora un filo di coraggio ed un residuo di energia a scendere in campo.

Noi andiamo avanti.

Enrico Tuci

Imprenditori Ippici Italiani
Martedì, 17 novembre 2015

La Lettera:

Roma, 13 novembre 2015

Preg.mi

Presidente del Consiglio dei Ministri.

Dr. Matteo Renzi

Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali

Dr. Maurizio Martina

Ministro dell'Economia e delle Finanze

Prof. Pier Carlo Padoan

Ministro dell'Industria e dello Sviluppo Economico

Dott.ssa Federica Guidi

Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali

Dr. Giuliano Poletti

Sottosegretario delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali

On.le Giuseppe Castiglione

Sottosegretario dell'Economia e delle Finanze

On.le Pierpaolo Baretta

Presidente IX Commissione Agricoltura e Produzione Alimentare del Senato

On.le Roberto Formigoni

Presidente XIII Commissione Agricoltura della Camera

On.le Luca Sani

Presidente V Commissione Bilancio del Senato

On.le Giorgio Tonini

Presidente VI Commissione Finanze e Tesoro del Senato

On.le Mauro Maria Marino

Presidente V Commissione Bilancio, Tesoro e Programmazione della Camera

On.le Francesco Boccia

Oggetto: Legge di Stabilità 2016 - Risorse per l'ippica

"Default" di un settore economico/produttivo

Illustre Presidente del Consiglio, Pregiatissimi Ministri, Sottosegretari e Presidenti delle Commissioni Parlamentari,

da gennaio prossimo alcune decine di migliaia di lavoratori saranno disoccupati, un grandissimo numero di cavalli, quasi l'intero patrimonio equino nazionale, sarà destinato all'estinzione e la grande storia dell'ippica nazionale avrà definitivamente termine.

Questi saranno gli effetti dei tagli previsti dal Disegno di Legge sul bilancio dello Stato (c.d. legge di stabilità 2016) alle risorse per il settore ippico.

Dopo anni di continui tagli alle risorse destinate al settore (dai 400 milioni di euro del 2011 ai 200 milioni euro del 2015) e di progetti mai attuati di rilancio del settore, da tempo in crisi, oggi si annuncia che "quest'anno ci sarà il rilancio della filiera ippica" e che bisogna "utilizzare in maniera più proficua le risorse".

In che modo?

Riducendo le risorse destinate al settore di altri venti milioni di euro!!!

Da quando il MIPAAF si occupa direttamente di ippica, non si rileva nessuna iniziativa a favore del settore, non si è data attuazione a norme di legge indispensabili per il comparto (art. 1 L.311/2004 commi 281 e 282 come modificati dall'art. 30 bis, comma 4 della L. 2/2009, art. 30 bis, comma 5, della L.2/2009). I crediti vantati, prima dell'UNIRE/ASSI e ora dal MIPAAF, per rimborsi IVA e per minori incassi dei prelievi dovuti dall'AAMMS (ora Agenzia delle Dogane e dei Monopoli), da destinare alla filiera, non vengono riscossi. Le corse italiane, prodotte da un "settore ippico", nonostante tutto, da decenni stabilmente ai vertici mondiali per la competenza dei propri uomini e la qualità dei propri cavalli, non sono vendute nel "mercato estero" con conseguente perdita di risorse.

La riforma delle "scommesse ippiche" è colpevolmente rimasta un'illusione. Anzi si resta inerti rispetto alla cannibalizzazione della rete ippica da parte di altri giochi, ora additati per l'alta pericolosità sociale. Inoltre, il logico calo dei volumi di gioco raccolto sulle scommesse ippiche diviene il pretesto per fare altri tagli alle esigue risorse del settore. E' paradossale far subire gli effetti del crollo delle scommesse ippiche, sulla vita dell'intera filiera ippica – che non ha alcun potere sulla gestione dei propri ricavi - giacché il "soggetto che governa" le scommesse ippiche è lo stesso "esclusivo concorrente" che amministra tutti gli altri giochi.

Da quattro anni si registrano, ogni giorno, la chiusura di aziende, la perdita di posti di lavoro, la riduzione del numero dei puledri nati e l'eliminazione di cavalli dal circuito delle corse.

I pagamenti delle spettanze agli operatori del settore sono fatti con ritardi insopportabili.

Ora, nonostante la drammaticità delle condizioni dell'intera filiera, dopo anni di colpevole immobilismo dei Ministeri preposti, addirittura si prevede nella Legge di Stabilità 2016, la decurtazione di oltre 20 milioni di euro dai capitoli di spesa, già miseri e insufficienti, relativi all'attività ippica. Taglio effettuato pure in presenza di una dotazione finanziaria ministeriale complessiva pressoché invariata.

Si rileva che detto storno viene riutilizzato per non meglio precisate attività strategiche di promozione del made in Italy, di tutela della qualità dell'agroalimentare e ad altre finalità sicuramente di più "semplice utilizzo".

Il ruolo principale che la legge attribuisce al MIPAAF per l'ippica è quello della gestione del Settore e del "governo delle risorse". Pertanto, il Ministero competente dovrebbe comportarsi come un "Buon Padre di Famiglia" ma questo nella pratica non avviene. Dal raffronto dei documenti di previsione con i dati consuntivi del 2015 si evince addirittura che a fronte 197,5 milioni di euro stanziati per l'ippica ne risultano, al momento, utilizzati solo 194,7. Dove sono i 3 milioni residui? Sicuramente sono stati utilizzati per altre attività del Ministero.

Nel "Progetto di Legge di Stabilità 2016" si prospetta uno stanziamento di 176,8 milioni di euro (20,7 milioni in meno rispetto al 2015 ovvero una riduzione del 10,5%) ed una previsione di spesa per gli stessi "capitoli ippici" di solo 170 milioni con un altro "prelievo" di 6,8 milioni destinato probabilmente ad altre attività diverse dall'Ippica per effetto di cui il taglio ammonterebbe ad oltre 27 milioni.

E' l'ennesimo incomprensibile taglio per il settore ippico che porterà la filiera al collasso. Ma, stavolta, il settore già allo stremo non vuole e non può accettare la fine dell'attività di decine di migliaia di addetti e la "morte" di un enorme numero d'incolpevoli cavalli.

Il MIPAAF ed il MEF non si sono mai adoperati per incrementare le risorse e si sono distaccati dal concetto di produttività per il settore ippico.

Situazione che ha impedito anche la realizzazione di una Riforma delle Scommesse che avrebbe dovuto e potuto essere realizzata da anni o almeno prevista in questa Legge di Stabilità.

Ora gli annunciati tagli vengono giustificati con il calo della raccolta del gioco sulle corse dei cavalli, senza considerare che le scommesse ippiche sono oggi non concorrenziali rispetto agli altri giochi offerti dall'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (ex-AAMS), a causa di una riforma mai promossa di concerto con il MIPAAF che di contro, quest'ultimo, da anni continua la politica dei "tagli", ingiustificati, senza criteri nella programmazione delle corse e dei premi al traguardo sottraendo risorse indispensabili agli operatori del comparto.

Questa gestione del comparto ippico italiano ha allontanato pubblico, allevatori, proprietari, appassionati e scommettitori. La reputazione dell'Ippica Italiana, da parte degli Organismi Ippici Europei e Internazionali, è al minimo storico.

Il caso Italia è diventato un modello di allarme di tutti i sistemi ippici esteri che non comprendono come la genericità e l'approccio burocratico in pochi anni possa avere ridotto allo stremo un settore che, quando governava direttamente con l'UNIRE e gli Enti Tecnici i propri ricavi, generava ricchezza ed una grandissima ricaduta sociale e sportiva. Ancora oggi, incredibilmente per l'enorme sacrificio e passione degli operatori ippici, lo stesso settore da lavoro a decine di migliaia di addetti.

Si tratta di una situazione inverosimile a cui si è costretti a reagire reiterando e aggiornando denunce già fatte agli Organi dello Stato competenti.

E' paradossale che chi governa il settore, ridotto allo stremo, anche in presenza di ulteriori e letali tagli, affermi il prossimo "rilancio della filiera ippica". Intanto le aziende chiudono, decine di migliaia di persone restano senza lavoro e il destino dei Cavalli e dell'ippica nazionale appare segnato.

Illustrissimi destinatari della presente il futuro dell'Ippica italiana dipende dalla Vostra volontà.

Per mantenere in vita il settore e non togliere la speranza alle migliaia di famiglie che vivono di "ippica", nell'immediato, bastano tre interventi.

a)    Si eviti ogni taglio, previsto dalla legge di stabilità, ai capitoli di spesa destinati al settore confermando, almeno, le risorse dell'anno in corso. Si tenga conto che le risorse destinate all'ippica sono produttive, alimentano un'intera filiera, costituiscono un volano per la produzione di reddito e creano gettito per l'erario.

b)   Si presenti un Piano Strategico del Settore, adeguatamente finanziato e sostenuto, che preveda lo sviluppo della filiera ed individui gli obiettivi da raggiungere. In tale ambito, il MIPAAF potrebbe aggiornare il Piano Strategico del 2009, ancora non applicato, tenendo conto delle modifiche normative intervenute e delle attuali condizioni del settore.

c)    Si approvi la riforma di una "governance" del settore partecipata dalla filiera ippica che rimuova blocchi e vincoli burocratici e garantisca risorse e fonti di finanziamento certe e stabili.

L'ippica è una risorsa del Paese e deve Vivere.

Le Associazioni della Filiera Ippica Italiana

Le Associazioni degli Ippodromi Italiani

Rassegna Stalloni Italiani 2021 Axl Rose: una novità sulle orme di Love You Axl Rose si presenta come una interessantissima novità per gli allevatori italiani, uno Stallone Italiano estremamente qualitativo, il più importante della generazione assieme ad Alrajah One, che si appresta ad iniziare la sua prima stagione di monta.
Rassegna Stalloni Italiani 2021 Vivid Wise As: ancora una vittoria importante Fin dal suo esordio Vivid Wise As si impose come leader assoluto della sua generazione in Italia e la sua straordinaria carriera internazionale certamente non ha poi deluso le attese.
Rassegna Stalloni Italiani 2021 Tony Gio: potenza, carattere e precocità Col debutto in razza di Tony Gio gli allevatori italiani hanno a disposizione uno dei più validi figli di Varenne, sicuramente uno di quelli che ha dimostrato più coraggio e più potenza. Tony Gio offre un corredo genetico di primissimo livello, una genealogia regale anche in virtù della grande...
Rassegna Stalloni 2021 Adrian Chip: un americano per l’allevamento italiano L’americano Adrian Chip arriva in Europa dopo una carriera giovanile di altissimo livello negli States dove a 2 anni è secondo nella Matron Stakes Final e terzo nella Breeder’s Crown mentre a 3 anni è secondo nell’Hambletonian e nel World Trotting Derby e terzo nello Yonkers Trot. In Europa...
Rassegna Stalloni Italiani 2021 Nesta Effe, il Principe biondo     Nesta Effe si presenta alla sua sesta stagione di monta vantando tra i suoi prodotti un prima serie come Bubble Effe, 1.12.2 ed Euro 136.000, protagonista della stagione classica dei 3 anni e Bomber di No 1.12.9 ed Euro 39.000.   Il pedigree di Nesta Effe ci propone...
Rassegna Stalloni Italiani 2021 Rotary Ok, potenza e affidabilità di stampo americano, e che sangue!   Per gli allevatori in cerca di uno stallone affidabile certamente la linea maschile di Garland Lobell, attraverso i tre figli di Amour Angus (Andover Hall, Conway Hall e Angus Hall)  è quella che da sempre offre stalloni importanti che non deluderanno le aspettative.  
Rassegna Stalloni Italiani 2021 Vitruvio: la classe non è acqua Vitruvio offre agli allevatori italiani una delle migliori soluzioni di continuità della pregiata e solidissima linea del top Sire Andover Hall. Vitruvio infatti nasce dall’americano Adrian Chip il quale, dopo una brillante carriera giovanile negli States, dove è secondo nell’Hambletonian e nel World Trotting...
Rassegna Stalloni Italiani 2021 Victor Gio, un “italo-americano” figlio di Ready Cash La stagione di monta 2021 sembra essere quella decisiva per questo Stallone italiano che si presenta alla sua quarta annata molto “chiacchierato” soprattutto per come si sono presentati, nei primi mesi di doma e di attacchi, i 42 figli della sua prima produzione quella della lettera “D” Niente di sorprendente, Victor Gio nasce talmente alla...
Rassegna Stalloni Italiani 2021 Remo Gas, perché i figli di Varenne sono grandi stalloni! Anche per il 2021 sono aperte le selezioni per l’assegnazione delle monte gratuite destinate a 50 fattrici di ottima genealogia di questo bellissimo erede di Varenne. Remo Gas è stato uno dei più importanti figli del Sire italiano, uno di quelli che ha lasciato veramente il segno dimostrando di essere un Trottatore precoce, consistente e...
Rassegna Stalloni Italiani 2021 Nad al Sheba: ancora una volta stallone leader Nad al Sheba è ormai da considerarsi una eccellenza, oltretutto disponibile in Italia, che un allevatore non può non prendere in seria considerazione. Nad al Sheba, leader in Italia per risultati in pista, si è ormai affermato come uno degli Stalloni Italiani più interessanti per il rapporto qualità/prezzo e per un progetto allevatoriale che...
Rassegna Stalloni Italiani 2021 Varenne: una garanzia per un prodotto di altissimo livello Gli allevatori italiani hanno il privilegio di avere a disposizione uno stallone estremamente qualitativo, e ormai affermatissimo, che si appresta ad iniziare la sua 18° stagione di monta. Analizzando le performance dei 1455 figli di Varenne nati dal 2004 al 2016 troviamo ben 9 Campioni con record inferiore a 1.10:
Lettera al Ministro Bellanova - L’IPPICA SOTTO IL CONI significa un altro passo verso la morte L’IPPICA SOTTO IL CONI significa un altro passo verso la morte: richiesta di incontro urgente Restiamo allibiti nell’apprendere che il Mipaaf ha richiesto e sostenuto il trasferimento delle proprie funzioni di gestione del settore ippico al CONI. Ribadiamo che si tratta di un errore grossolano che, oltre a dividere in due il comparto, lo...
Imprenditori Ippici Italiani esprime forte preoccupazione per il proseguimento delle attività del settore Le Aziende appartenenti a questa associazione sentono la impellente necessità di segnalare 3 gravi disfunzioni che mettono a serio rischio la prosecuzione dell’attività ippica:1 - esattamente come per gli anni trascorsi, gli ippodromi si vedono costretti a non accettare i partenti a causa della mancanza di regolari contratti relativi al 2020. Il...
Rassegna PULEDRI Scuderia Gardesana www.gardesana.it Scuderia Gardesana è un allevamento storico, da decenni alla ribalta nella scena internazionale i cui puledri negli ultimi anni si stanno affermando in maniera straordinaria in coerenza con la tradizione che lo vede da sempre vincente.La produzione del 2019, lettera D, propone un livello qualitativo molto alto e linee interessanti che strizzano...
Rassegna Stalloni Italiani 2020 Scegliamo Stalloni Italiani, abbiamo a portata di mano la solidità di Ghiaccio del Nord Ghiaccio del Nord si sta affermando come uno dei più solidi Stalloni Italiani. Non poteva essere altrimenti se si considera che si tratta di un cavallo vincitore di 18 Gran Premi e piazzato in altrettanti. Ghiaccio del Nord, per 5 anni consecutivi, si è cimentato a livello internazionale dimostrandosi sempre altamente competitivo, concreto e...
Eletto il Consiglio Direttivo, primo obiettivo: Riforma L'Assemblea dei Soci di Imprenditori Ippici Italiani, Associazione nata appena 8 mesi fa e che oggi raccoglie le più importanti Aziende del galoppo e del trotto, riunitasi ieri a Bologna, ha confermato il proprio sostegno al progetto di Riforma ed ha ribadito la necessità e l'urgenza di costituire Lega Ippica Italiana affinchè, attraverso una...
Il coraggio di denunciare, pieno sostegno al Dott. Santulli Da molti anni assistiamo a varie forme di ingiustizia e prepotenza perpetuate ai danni degli ippici da un sistema demenziale che sembra quasi studiato per autodistruggersi. Purtroppo siamo molto vicini all'estinzione e abbiamo molte persone a cui attribuire questa gravissima responsabilità, persone che, ricordiamolo, sono retribuite per...
Rassegna Stalloni Italiani 2019 Nad al Sheba conferma risultati di vertice Anche il 2018 conferma Nad al Sheba Stallone di grande pregio in grado di generare il Campione, sia tra i maschi che tra le femmine.Nad al Sheba è ormai una garanzia: ogni anno ha generato detentori di record e vincitori classici e, a consuntivo, anche il 2018 lo vede affermarsi come uno degli Stalloni Italiani più interessanti per il rapporto...
Sostegno al comparto delle Corse ad Ostacoli Apprendiamo con viva soddisfazione che la struttura del Mipaaf sta prendendo a cuore la precaria situazione delle Corse ad Ostacoli e sta provvedendo a definire urgentemente il Calendario ed il Montepremi del prossimo mese di dicembre e l'impostazione del programma del prossimo anno.Sollecitiamo anche una conseguenziale rapida definizione delle...
Ancora Tagli e Ritardi, e gli ippici stanno a guardare Purtroppo al Mipaaf sono ancora fermi con i pagamenti.Ad ieri sera Ucb non aveva ancora sbloccato le risorse per pagare Maggio, Giugno e Luglio ma ci si attende, e soprattutto si spera, che lo faccia nella giornata di oggi.Le risorse per arrivare alla fine dell'anno ci sono ma sono momentaneamente bloccate da questa verifica contabile...
Rassegna Stalloni Trotto 2015 - Nad al Sheba Nad al Sheba, alla sua prima stagione, si conferma ai vertici coi propri puledri di due anni. Con la facile vittoria di domenica a Bologna della eccellente Tuscania Pal, che ha messo in riga, con un rotolo in 1.14.7, quotatissimi coetanei, Nad al Sheba si conferma già alla prima annata come un ottimo razziatore che gli allevatori italiani...
Aggiornamento Pagamenti e Montepremi 2015 A seguito della riunione svoltasi mercoledì 18 Marzo al Mipaaf tra le Società di Corse, i Sindacati e lo staff del sottosegretario On. Castiglione, si è appreso che nelle prossime settimane verranno finalmente pagati i Premi di Ottobre 2012.Le restanti mensilità di Novembre e Dicembre 2012, poche settimane fa annunciate per pagabili entro Giugno...
Il ministero ed il sottosegretario delle promesse dicono che rilanceranno l'ippica e intanto tagliano il montepremi del 10% E' stata una scelta deliberatamente pensata all'interno del ministero. La Legge di Stabilità ha dato al Mipaaf gli stessi soldi per il 2016 e questi hanno deciso di dedicarne meno al nostro settore e di più ad altre attività.Per il 2016 tanto per non cambiare la triste musica suonata da questa fallimentare gestione si taglia il 10% del...
Assemblea dei Soci E' fissata per venerdì 5 Febbraio 2016 alle ore 11,00 presso il Centro Congressi Stelline in Corso Magenta 61 a Milano, l'Assemblea dei Soci di Imprenditori Ippici Italiani. Nell'ambito dell'Assemblea dovranno anche essere eletti i membri del nuovo Consiglio Direttivo. I Soci Ordinari che fossero interessati a candidarsi sono invitati a darne...
Dagli uffici dei burocrati ministeriali arrivano solo promesse Era da qualche mese che non sentivamo i burocrati ministeriali parlare di “rilancio”, esattamente da FieraCavalli 2015, con la promessa che nell’arco di qualche mese si sarebbe "raggiunta la correntezza dei pagamenti", "affrontato il 2016 con uno spirito più sereno", "che il 2016 era l’anno della ripartenza e del rilancio" e "rimesso al centro...
"HO VISSUTO CORRENDO" Per un tuffo nell'ippica dei miti italiani del dopoguerra che portavano i nostri colori a vincere nel mondo e per rigustare il sapore di uno sport vero dove il pubblico affollava gli ippodromi e dove i driver erano assaliti dai fans come delle attrici di Hollywood o dei piloti di Formula 1.Per capire quello che eravamo e che potremmo tornare ad...
La questione del Lunedì Non sono mancate le discussioni e gli approfondimenti sulla questione del Lunedì di riposo e così, dopo 5 Lunedì senza corse italiane, abbiamo potuto vedere su Gaet quanto, dal punto di vista economico, questa scelta sia purtroppo tremendamente negativa.I dati di questa mattina sono agghiaccianti, perdiamo ancora consistenti quote di mercato e...
Trotto: I migliori Cavalli italiani vanno all’estero a far cassa I migliori Allevatori, invece, restano a bocca asciutta Sono mancate vittorie importanti e abbiamo vinto qualche Corsa in meno ma il 2014 si chiude con un incremento sostanzioso delle somme vinte all’estero dai nostri Trottatori.Negli ultimi dieci anni il fenomeno dei Cavalli Italiani impegnati all’estero è dilagato:-il numero delle Corse effettuate è passato da 186 nel 2005 a 3.371 nel 2013...
Le nostre richieste per la redazione del Calendario 2015 del Trotto In prospettiva della imminente Riforma che dovrà rilanciare il settore “facendo sistema” ed apportando elementi innovativi ben più sostanziosi, abbiamo rivolto al Mipaaf le seguenti richieste: L’obiettivo primario del nuovo calendario deve essere quello di massimizzare i proventi delle scommesse valorizzando le realtà che ancora oggi riescono a...
III chiede a Vaccari l'avvio di un indagine interna per accertare responsabilità di dirigenti e funzionari Gentilissimo Dott. Vaccari,purtroppo siamo costretti a tornare, disperatamente, sull'emergenza pagamenti.Prendiamo atto dal Suo comunicato "Situazione Pagamenti gennaio 2013" del 13/6/2013 pubblicato sul sito www.unire.gov.it che 2.137 operatori su 2.447 sono stati pagati, praticamente il 90%.Ripeto, c'è scritto "sono stati pagati"!Le assicuro...
Giustizia sportiva e antidoping in Europa Nel nostro ambiente, di tanto in tanto, si sentono dichiarazioni che affermano che la giustizia sportiva non può prescindere dal principio di terzietà e che quindi una organizzazione sportiva deve delegare una terza figura ad esercitare il ruolo fondamentale dell'applicazione delle regole, della disciplina e del controllo dell'utilizzo delle...
Mipaaf unico responsabile del perdurare della gravissima situazione del comparto ippico italiano Con le parole di certi politici poi ci si trova al fallimento e questo avviene ormai da troppi anni nel settore ippico. Sono ancora ben impresse nelle nostre teste le parole di estremo conforto e di ottimismo espresse in più occasioni dall'Ex Ministro De Girolamo e dal Sottosegretario Castiglione. Parole che poi si sono dimostrate totalmente non...
Rassegna Stalloni Italiani 2019 Napoleon Bar – una garanzia di successo grazie al sangue di Varenne Napoleon Bar è uno dei più vincenti figli di Varenne, un Campione di prima grandezza che ha conseguito successi di elevato livello sia in Italia che in Francia, sia sul miglio che sulla lunga distanza. A tre anni, dopo aver vinto il Città di Napoli, vince la batteria del Derby e si presenta alla Finale come favorito netto al gioco.
Gestione ippica: mai un consuntivo. Con questi dirigenti non c’è mai niente di chiaro. Qualcuno nel settore conosce esattamente le risorse distribuite nel 2015 alle categorie? Mai è stato fornito un consuntivo e alla richiesta ci hanno sempre gentilmente indirizzato ad un altro ufficio e così avviene da diversi anni.La realtà è che un consuntivo non lo hanno neppure loro e comunque non lo renderebbero pubblico perché si...
Rassegna Stalloni Napoleon – Con Zigolo de Buty la consacrazione di uno Stallone eccellente Da anni seguiamo questo Stallone americano, dal perfetto modello morfologico, che trasmette sempre ai suoi figli una bellissima struttura, eleganza, una grande disponibilità ed un carattere eccezionale.
Rassegna Stalloni Italiani 2019 Pace del Rio: un figlio di Varenne di una solidità impressionante Pace del Rio si presenta come un cavallo morfologicamente perfetto, statuario, di una bellezza rara, atletico e qualitativo.In pista possedeva un parziale travolgente con cui aggrediva gli avversari con una cattiveria unica, dote che si auspica possa trasmettere ai propri figli assieme alla sua morfologia.Pace del Rio ha dimostrato un...
Rassegna Stalloni 2021 Adrian Chip: un americano per l’allevamento italiano L’americano Adrian Chip arriva in Europa dopo una carriera giovanile di altissimo livello negli States dove a 2 anni è secondo nella Matron Stakes Final e terzo nella Breeder’s Crown mentre a 3 anni è secondo nell’Hambletonian e nel World Trotting Derby e terzo nello Yonkers Trot. In Europa...
Convegno "Ippica Futura" a Napoli il 24 Febbraio 2014: i link ai video degli interventi Convegno "Ippica Futura" a Napoli il 24 Febbraio 2014: i link ai video degli interventi di Enrico Tuci - Presidente di Imprenditori Ippici Italiani Antonio Carraretto - Allevamento Kronos Massimo Parri - Allevamento Le.Gi. Christian Walter - Scuderia Waldeck Sergio Luise - Allevamento Luise Germano Di Corinto - Commissione Tutela...
Richiesta cancellazione iscrizioni a pagamento Gentilissimo Dott. Vaccari,in considerazione delle evidenti difficoltà di gestione dei pagamenti da parte delle Scuderie e dell'impossibilità di restituirli in tempi certi, siamo a chiedere, con effetto immediato, la cancellazione delle iscrizioni a pagamento.Lo scopo di fare pulizia di numerosi cavalli ormai inesistenti e di generare una...